Perizie Conti Correnti, Recupero Interessi da usura bancaria e Anatocismo, Analisi Mutui, Leasing e Derivati. Cofi è leader da 20 anni in Italia

Cofi, da oltre 20 anni gli specialisti del dialogo con la tua banca: Analisi Bancaria, Consulenza Finanziaria e Aziendale

I Giudici contro le Banche: STOP ANATOCISMO

I Giudici contro le Banche: STOP ANATOCISMO

La_Repubblica_logo_min

La Repubblica – 29.04.2015

«Per le banche è un disastro. Se togliamo la capitalizzazione trimestrale su tutti i conti correnti dove c’è un fido si parla di grosse cifre per tutti gli istituti ». A dirlo non è un sobillatore, ma un avvocato delle banche italiane, che nel Foro meneghino hanno subìto due orientamenti negativi e forse tombali sull’anatocismo, l’applicazione degli interessi sugli interessi che da vent’anni fa litigare chi presta e chi riceve denaro.
Come effetto, s’annuncia la sospensione di migliaia di decreti ingiuntivi con cui le banche chiedono crediti e interessi a clienti in contenzioso, e una serie di class action delle associazioni dei consumatori, per i rimborsi.

[...sono stati stimati oltre 2 miliardi di euro di illegittimi ricavi bancari solo nel 2014 ]

Nel 1994, quando nacque il Tub, l’anatocismo era contemplato in rari casi. Dopo molti contrasti, la Cassazione (1999) ne stabilì la nullità. Ma il Cicr governativo nel 2000 lo reintrodusse, a patto riguardasse interessi a debito e a credito. A fine dicembre 2013, la legge di riforma del Tub chiariva che l’interesse va calcolato sul solo capitale: ma per 16 mesi, silente il Cicr, le banche hanno fatto melina.
Le tre banche coinvolte – Deutsche Bank, Banca Popolare di Milano e Ing Bank – dicono congiuntamente, che «la vicenda interessa tutto il sistema bancario, a causa di un assetto normativo non completo, dovuto alla perdurante assenza di regole amministrative che, per il Tub, dovrebbero stabilire modalità e criteri per gli interessi e dare certezza a clienti e operatori». Le banche potrebbero fare ricorso in Cassazione, sperando nel Cicr. Ma come ha scritto Antonio Donvito, esperto di diritto bancario, può rivelarsi una strategia debole: «L’alternativa è rinunciare agli interessi anatocistici maturati dopo il primo gennaio».

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli,clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie OK